ROME E JUVE, AVANTI CON ONORE - PRONOSTICI SCOMMESSE E SISTEMI, NEWS E INFO SUL BETTING - Totocorriere

scritta totocorriere
nel settore delle scommesse sportive
Vai ai contenuti

Menu principale:

ROME E JUVE, AVANTI CON ONORE

Totocorriere
Pubblicato da in Articoli Federico De Carolis ·
Tags: CHAMPIONSROMAJUVEAVANTI

Le due italiane non si perdono contro lo Sporting e il Chelsea

Roma  e Juve, avanti con onore

Ottimo il recupero dei giallorossi a Londra che avrebbero potuto conquistare anche il successo dopo i due gol di svantaggio iniziale. La Juve vince, ma mostra ancora grossi problemi in difesa e a centrocampo


di  Federico De Carolis
La sorpresa, quella vera, è arrivata da Londra. Piacevole, accattivante, entusiasmante, soprattutto inaspettata. Si chiama Roma. E uscita indenne da un confronto sul quale nessun scommettitore era pronto a giocarsi un penny. E le iniziali performance della squadra di Antonio Conte lasciavano prevedere una Rometta sommersa da un mare di gioco e di gol. In Inghilterra non conoscono Di Francesco, non sanno della fiducia che riesce a ottenere dai giocatori disposti a seguirlo a occhi chiusi.  Così i giallorossi, su un campo considerato impossibile, hanno firmato un pareggio che poteva anche essere successo pieno. Smentiti tutti i dopolavoristi del calcio, pronti a giurare sull’eliminazione repentina dei giallorossi. Non solo non è successo, adesso ci sono serie possibilità per il passaggio di un turno che porterà soldi alla società e ha fatto trarre una boccata d’ossigeno a quel calcio italiano povero e destinato a essere relegato tra le comparse in un Europa ricchissima e spendacciona.
Basta avere un tecnico preparato e conoscitore degli avversari per non dover chinare la testa di fronte a nessuno. Eusebio Du Francesco lo è, ma è anche un continuo e appassionante tormentone per i suoi giocatori. Sa incitarli, sa trarre da loro il meglio in ogni partita. Se non fosse stato per un Napoli mostruoso, almeno nella prima parte, anche in campionato, nonostante una partita in meno, sarebbe assisa ancora nelle prime posizioni abbandonate solo momentaneamente. E proprio in quella partita con il Napoli, quando i giallorossi mostrarono un volto completamente diverso nella seconda fase. Avrebbero potuto colpire, la volontà non fu pari al risultato. Non è stato così contro il Chelsea. Ha tirato fuori le unghia e una partita persa si è trasformata in una felice esaltazione che poteva essere di più se nel finale non avesse gettato alle ortiche un’occasione che sta ancora gridando vendetta. Ha Dezko la Roma, ottimo sotto tutti i cieli, non solo quello romano, ha anche una squadra forte a centrocampo con Naingolan e De Rossi, mentre gli altri non sono seconde linee. Si tratta solo di aver pazienza, lavorare e pensare che quello scudetto che manca ormai da 18 anni, possa tornare già nella prossima stagione con un paio di acquisti indovinati e con quel lavoro certosino e fruttuoso del suo tecnico.
Anche la Juve è risultata vincente. In tutti i sensi perché ha fatto fuori lo Sporting di Lisbona, ma non ha convinto. Sotto di un gol per una disgraziata autorete di Alex Sandro, la Juventus ha reagito con la forza dell’orgoglio. Non molto altro. E’ apparsa una squadra ancora confusa, precaria in quella difesa che fino all’anno scorso era imbattibile, confusa e confusionaria in un centrocampo che non ha anora trovato il giusto passo e la giusta maturità. In attacco, questa volta, Dybale e Higuain non hanno deluso, ma occorre altro perché si torni a parlare di loro come fuoriclasse invidiati da tutta Europa. C’è voluta una punizione di Pianic e una testata di Manzu per abbattere lo Sporting, una squadra che ha minacciato tremenda vendetta per  la partita di ritorno. Forse allora, i portoghesi non hanno considerato che la Juve potrebbe essere completamente diversa, specie se si ritrovasse in difesa dove la sola colonna Chiellini non basta a tamponare tutte le falle. Era necessario questo successo per permettere ai bianconeri di ripresentarsi in campionato e in Champions, in maniera diversa. Allegri, ormai è prassi consolidata, non è per le partenze sprint. Preferisce aggiustare il tutto nel tempo. Riuscirà sicuramente nell’impresa anche quest’anno, purtra difficoltà che sembano mahggioir che non nel passato..



Nessun commento


Privacy Policy
© Tutti i diritti riservati 2013- 2018
Cookie Policy
Torna ai contenuti | Torna al menu